In breve tempo, MicroStrategy è diventata un beniamino dell’industria della crittovaluta, dopo aver impegnato centinaia di milioni di dollari in questa attività. La decisione sembra dare i suoi frutti, visto che l’azienda ne ha beneficiato fino ad ora.

Bitcoin incrementa i risultati del terzo trimestre

All’inizio di questa settimana, il fornitore di soluzioni aziendali basate sul cloud ha pubblicato i risultati finanziari per il terzo trimestre 2020. L’azienda ha riportato solidi fondamentali, sostenuti in non piccola parte dalla sua decisione di passare allo standard Bitcoin.

L’amministratore delegato della società Michael Saylor ha definito i risultati tra i migliori degli ultimi dieci anni, con un utile per azione di 2,06 dollari, molto più alto della previsione di 0,04 dollari degli analisti di Wall Street. L’azienda ha anche visto una crescita significativa nel suo core business, con la crescita dei ricavi da sottoscrizione differita e delle licenze dei prodotti. Lo stesso si potrebbe dire del suo margine operativo non-GAAP.

Come previsto, l’elefante nella stanza è stata la decisione dell’azienda di cambiare le sue riserve in Bitcoin Revolution, che ha annunciato già in agosto. All’epoca, MicroStrategy dichiarò che avrebbe acquistato 21.454 BTC per 250 milioni di dollari. Giorni dopo, Saylor ha confermato in un tweet di aver raddoppiato le proprie riserve e ha acquistato altri 17.000 gettoni da 17.000 dollari, portando il loro impegno Bitcoin a 425 milioni di dollari.

Mentre MicroStrategy ha riportato una perdita di valore di 44,2 milioni di dollari dall’investimento Bitcoin, il quarto trimestre è già caldo fuori dalle corse. Il prezzo dei Bitcoin è rimbalzato in modo significativo la scorsa settimana, sostenuto principalmente dalla prevista incorporazione dell’asset nel suo core business da parte del top processor PayPal a partire dal 2021.

Il momento perfetto per passare alla Bitcoin

Bitcoin si trova comodamente sopra la soglia dei 13.000 dollari. Dato che l’asset valeva circa 11.500 dollari quando la società ha spostato le sue riserve, ha avuto una buona ripresa ed è ora in attivo.

In una dichiarazione, Saylor ha spiegato che la Bitcoin fa parte della spinta della società a fornire valore a lungo termine agli investitori. Ha spiegato:

„L’acquisto di 425 milioni di dollari di bitcoin nel corso del trimestre offre la possibilità di un potenziale di rendimento maggiore per gli investitori rispetto al mantenimento di tali saldi in contanti e ha aumentato la visibilità complessiva di MicroStrategy sul mercato“.

Saylor ha sempre condiviso un approccio pragmatico nei confronti del Bitcoin. Il mese scorso ha spiegato a Bloomberg di aver visto il potenziale a lungo termine dell’asset Mentre non è un toro Bitcoin, sta semplicemente cercando di capitalizzarlo. L’amministratore delegato ha anche scrollato le spalle a qualsiasi timore di volatilità, spiegando alla fonte della notizia che avrebbe potuto liquidare le sue partecipazioni Bitcoin in qualsiasi momento se avesse avuto la sensazione che l’asset si trovava su un terreno instabile.

Con la buona performance della Bitcoin, c’è una bassa probabilità che la società possa liquidare in qualsiasi momento.

Anche i benefici della Bitcoin sembrano trascendere solo quest’anno. Secondo i dati del ricercatore indipendente di crittografia Kevin Rooke, MicroStrategy ha guadagnato di più dall’investimento in Bitcoin rispetto al core business degli ultimi tre anni. I dati di Rooke hanno mostrato che la recente impennata dei prezzi ha portato le partecipazioni Bitcoin di MicroStrategy a un valore di 525 milioni di dollari. Al contrario, il core business dell’azienda ha guadagnato solo 78 milioni di dollari di utile netto dal primo trimestre del 2017.

Written by